Dottoressa Valeria Corbo

Psicologa e Psicoterapeuta

Telefono/whatsapp: 3755997405

 

il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell’avere nuovi occhi​
Marcel Proust​

Pronti! RIpartenza! Via?

question-mark-1495858_1920.jpg

Dopo due mesi di #iorestoacasa, da domani, a quanto pare, qualcosa in più si potrà fare.
Alcune attività riapriranno. Abbiamo il permesso di far visita ai cosidetti “congiunti”, sarà possibile fare attività sportiva, spostarsi in un altro comune; insomma, sono sicura che le informazioni a riguardo le avete tutte e che in questi giorni vi sarete chiesti spesso cosa si potrà realmente fare e cosa no, quando e come usare mascherine e guanti, quale distanza mantenere…e una volta esaurite le domande, probabilmente avrete ricominciato da capo.

Sbaglio?

Proprio in questo momento voglio “disturbarvi” un pò dai vostri pensieri e dalle vostre domande, che probabilmente vi aiutano a distrarvi da quelle che sono le altre domande che vi ponete, per le quali le risposte sono forse ancora meno chiare di quelle alle domande sopra citate.

Non lo faccio per darvi fastidio, anche se porbabilmetne questo sarà l’effetto iniziale.
Lo faccio perchè quelle domande che qualcuno di voi ha timore a porsi, sono forse le più importanti  in questo momento, quelle che hanno bisogno maggiormente della vostra attenzione, e che probabilmente vi aiuteranno a vivere al meglio questa fatidica fase due.

Se vi prendete qualche minuto per ascoltarvi, è possibile che tra le domande che vi state ponendo potrete trovare qualcuna di queste:

– Sono pronto per ricominciare a uscire?
– Cosa mi aspetto davvero da domani?
– Come cambierà il modo di stare in relazione?
– Sarò a mio agio?
– Sono pronto a ricominciare la routine che avevo prima?

e potrei andare avanti così per un pò, ma non credo sia necessario.

Non sarà facile dare ascolto a queste domande, tanto meno trovarvi delle risposte. Proprio per questo è importante che prestiate loro attenzzione e vi prendiate cura dell’impatto che ha su di voi porvele. Non tuffatevi a capofitto in quel che sarà, perdendovi di vista. Prestate attenzione ai vostri vissuti e, per qunato possibile, abbiatene cura.

Per esempio, se vi rendete conto che quando uscite e incontrate qualcuno avvertite uno stato ansioso, fermatevi; chiedetevi cosa in quel momento vi sta risultando difficile e datevi modo di capire cosa potete fare per tornare tranquilli. Se notate che la cosa si ripete con frequenza, valutate anche la possibilità di chiedere aiuto.

Se ritornare alla routine precedente , parlo per esempio per chi da domani tornerà ad andare a lavoro, e vi rendete conto che vi sentite sotto pressione e, paradossalmente vi manca l’aria; anche qui, fermatevi e datevi modo di capire cosa vi manca, da cosa vi sentite pressati e pensate ad un modo per rispondere ai vostri bisogni.

Adesso invece veniamo a voi. Si, voi che leggendo state pensando: “Cosa???Io non vedo l’ora che arrivi domani per poter uscire e dimenticarmi questo periodo; come sarà sarà, purché non debba restare in casa ancora”.
Comprensibile. Anche questo però può essere per voi uno spunto per dare attenzione a cosa non vedete l’ora di lasciare a casa per non pensarci più; a cosa in questo periodo è stato per voi un macigno da sopportare e che ora volete solo scrollarvi di dosso. Dimenticarlo distraendovi con quello che c’è fuori, però, non lo farà scomparire. In questo periodo avete auto modo di guardalo bene quel macigno, sentirne il peso, sentire quanto non lo sopportate. Potreste ora darvi la possibilità di utilizzare tutto questo per scegliere per voi qualcosa di diverso, che non sia una distrazione, ma una nuova realtà.
Oppure potrete tornare a com’era prima, lasciarlo a casa, dimenticarlo per un pò, per poi ritrovarlo a fine giornata e cercare di tollerarne il peso fino al mattino dopo.
A voi la scelta.

Queste parole vogliono essere un invito da parte mia ad avere cura di voi anche in questo delicato momento di passaggio a una nuova routine.

Non perdete di vista le indicazioni che ci hanno dato per ricominciare, non perdete di vista quello che questo periodo ha significato per voi, soprattutto, non perdete di vista VOI.

Come sempre sono a disposizione se avete domande, dubbi o perplessità.
Mi farà piacere se vorrete lasciare un commento o un feedback qui o sulla mail.

 

Buon inizio settimana!

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.